Cover_Etichetta

Design, Marketing, Pubblicità

di -

L’etichetta, in un mercato sempre più affollato e competitivo, riveste un’importanza crescente per motivi sia funzionali che commerciali. Il suo scopo primario è di dare informazioni su un prodotto o sul suo imballo. Altra funzione è quella di attirare l’attenzione del consumatore per portarlo all’acquisto. Pensiamo allo scaffale di un supermercato, il quantitativo di prodotti presenti è sempre molto alto e riuscire ad “emergere” non è cosa facile. In questo caso un’ottima progettazione e una grande creatività fanno la differenza.

Consideriamo i materiali che si possono usare, tipo carte speciali o tessuti vari; oppure alle numerose tecniche di stampa che riescono a nobilitare e dare unicità ad un prodotto; o anche ai tanti formati che sono oggi disponibili. Le etichette dei vini, per esempio, puntano molto su questi fattori.

 

Etichetta Vino

 

Altra cosa fondamentale nella progettazione di un’etichetta può essere la scelta giusta di un font, che deve assicurare una buona lettura sia del nome che delle caratteristiche del prodotto. L’uso di un carattere può far risaltare, a prima vista, il grado di preziosità del prodotto stesso.

La scelta delle cromie è anche di notevole importanza perché un colore può indicare l’appartenenza ad una determinata classe merceologica. Si pensi al settore alimentare dove la psicologia del colore è fondamentale nella progettazione di un packaging o di un’etichetta. Volendo fare degli esempi, il marrone è spesso usato per prodotti come il caffè o il cioccolato, mentre il giallo, che esprime solarità e tradizione, è spesso usato per i prodotti da forno.

Tornando allo scaffale del nostro supermercato, l’uso di un colore diverso da tutti gli altri già presenti può sicuramente aiutare un prodotto ad emergere. Una bottiglia con un’etichetta nera, in uno scaffale pieno di bottiglie con etichette rosse, sarà sicuramente vista prima dal consumatore.

Ci sono diverse tipologie di etichette e queste variano in base alla loro funzione. C’è la brand label, che è molto usata nel settore dell’abbigliamento e che riporta solo il brand del prodotto. Il suo scopo quindi è quello di fare branding a fini puramente commerciali.

Ci sono le etichette descrittive che contengono le caratteristiche del prodotto e le avvertenze d’uso o manutenzione, oppure le label informative che hanno molte più informazioni (di tipo tecnico, legale, commerciale o promozionale) rispetto a quelle descrittive. Queste etichette possono variare in base alla tipologia di prodotto. Alcune tra le informazioni più comuni che possiamo trovare sono anche la località di produzione, la data di scadenza, gli ingredienti, le certificazioni o le avvertenze.

Per alcune categorie di prodotto le indicazioni sulle etichette sono regolate obbligatoriamente da apposite norme nazionali o internazionali. Questo spiega anche l’utilizzo di pittogrammi che devono essere facilmente riconosciuti e compresi da tutti. L’uso di questi simboli è anche necessario quando si devono comunicare tante informazioni in uno spazio ristretto.

 Pittogrammi lavaggio

 

Altra funzione di un’etichetta è quella di distinguere un prodotto da un altro nel caso in cui le confezioni siano uguali. Pensare, in questi casi, ad etichette di colore diverso può essere una soluzione pratica ed efficace.

 

Etichette succhi di frutta

Etichette colorate

 

Com’è facile intuire quindi riuscire a progettare una label di valore è fondamentale. Nel fare questo bisogna ricordare sempre che la semplicità, la leggibilità, la facilità di comprensione, l’originalità e la visibilità sono tutte caratteristiche che spesso fanno la differenza.